Kate Bosworth sta chiamando dalla sua passeggiata mattutina, è una demo multi-tasking della sua vita frenetica come attrice, umanitaria, ambasciatrice della moda, fondatrice del suo blog KInd.est e matrigna impegnata con Jasper. Un ruolo che ha assunto all'età di 28 anni, ora 37.


Il calore e l'apertura istantanei di Kate mi fanno pensare che sarebbe l'amica che chiameresti quando hai bisogno della motivazione 'hai questo'. La chiara volontà di consentire agli amici e ai suoi follower di entrare in tutti gli aspetti della sua vita, oltre ai suoi post LOL su Instagram (vedi il suo consiglio sull'idratazione di seguito), rivelano che anche lei è quella con cui rideresti.

Stiamo riflettendo su quest'anno come nessun altro e sulla sua esperienza di lockdown. Come per molti di noi, ammette che è stata un'esperienza mista con periodi di ansia, riflessione, crescita personale e produttività.



Rivela in quarantena che ha iniziato a meditare per allenare la sua mente, si è tenuta in forma con esercizi a basso impatto e ha usato il tempo 'ora o mai più' per lavorare sul suo blog di lifestyle, dove condivide tutto, dai suoi preferiti per la cura della pelle e le ricette di casa, a lei sentimenti sull'amore e sul dolore. L'idea è nata dopo la morte di sua nonna e lei dice di voler creare, 'Un piccolo angolo di autenticità su Internet, un luogo dove connettersi, sorridere, essere curiosi, scoprire.'

Essendo una perfezionista e un tipo A confessato, è felice di ammettere che trova difficile giocare fuori dalla sua zona di comfort, ma mettersi in gioco spesso paga dividendi. Qui, condivide i trucchi per la vita e il benessere che ha imparato lungo la strada e ci sta dando le vibrazioni del 'ce l'hai'...


Senti la paura, fai il salto e accogli la ricompensa

'Se hai un'idea, falla e basta, perché è probabile che la ragione per cui ti trattiene è la paura e ho capito che è inutile non fare qualcosa perché hai paura. Potresti anche fare il salto. Lo dico spesso a me stesso, e sono tutt'altro che perfetto, poiché provo quei sentimenti molto normali, ma la mia esperienza è che ogni volta che ho fatto un salto, dove credo davvero e sostengo ciò che sono facendo, il risultato ha sempre una ricompensa. Potrebbe non essere esattamente quello che ci si aspettava, ma c'è una sorta di ricompensa.

'Mi fa pensare al primo post [blog] che ho scritto sulla morte di mia nonna. È stata un'esperienza molto intensa per quelli di noi con lei quando è morta. Ho poi trovato molto difficile impegnarmi con le parti tecniche della vita moderna, dopo aver attraversato qualcosa di così profondo e importante che mi ha cambiato la vita.


'Ho pensato che per poter discutere delle cose di cui volevo discutere [sul blog], dovrò davvero percorrere la via della vulnerabilità ed espormi. Le lettere che ho ricevuto in cambio erano così belle. Mi ha davvero permesso di sentirmi sulla strada giusta. Ora abbiamo membri iscritti alla newsletter da quasi tutti i paesi del mondo.'

Per vedere questo incorporamento, devi dare il consenso ai cookie dei social media. Apri le mie preferenze sui cookie.


Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Kate Bosworth (@katebosworth)

Puoi allenare la tua mente ad affrontare la negatività

'Penso che sia importante essere mentalmente sani quanto lo è fisicamente. So che la meditazione è stata di grande aiuto durante la quarantena per molte persone che hanno avuto sentimenti intorno alla paura e all'ansia, me compreso.
'Ho iniziato a meditare [in blocco], il che è divertente sentirmi dire! Il mio io di 20 anni non mi crederebbe mai. Ho provato a riprenderlo un paio di volte prima, ma mi sono sempre etichettato come un terribile meditatore autoproclamato, ma ora sto imparando ad abbracciare le parti più tranquille e creare spazio con consapevolezza.

'Ho usato un'app chiamata Ten Percent Happier. Il tipo A in me è tipo, non capisco, ma penso che questa app sia stata davvero creata pensando a quel tipo di cervello veloce. Piuttosto che stare in silenzio e sentirsi come se fossi calmo e insieme all'universo, voglio dire, guarda, se le persone possono arrivarci, è meraviglioso, ma per me lo vedo come un sano esercizio mentale.

'Creare consapevolezza ti consente di creare abbastanza spazio attorno a ciò che ti sta arrivando, in modo che tu sia in grado di riconoscere di cosa si tratta. Piuttosto che limitarsi a reagire e finire in un effetto domino di decisioni malsane, ti consente di creare un meccanismo di risposta diverso, piuttosto che paura.


“Se sei in grado di guardare la tua mente e lavorarci, allenandola come facciamo con il nostro corpo, penso che tu possa prendere qualsiasi abitudine. Puoi letteralmente allenarti a fare qualsiasi cosa, a patto che tu lo faccia in modo coerente.'

Sii gentile con il tuo corpo, è una maratona non uno sprint

'Sono un vero tipo A, motivato e ambizioso, e ho sentito per molto tempo che il mio esercizio doveva essere paragonabile al ritmo che stavo correndo da solo professionalmente. Sono stato un corridore per molti anni e sentivo che più mi riducevo in poltiglia, più sarei stato in forma. Non avrei mai pensato di smettere di correre perché mi ha sempre fatto sentire benissimo.

'Ma la verità è che è stato davvero difficile per le mie ginocchia. Ho iniziato a imparare molto di più su come prendermi cura del mio corpo dal punto di vista della longevità e su come i muscoli vengono nutriti molto meglio attraverso l'esercizio a basso impatto. Faccio un lavoro a basso impatto ormai da un paio d'anni ed è davvero fantastico perché anche se mi prendo una settimana di pausa, la memoria muscolare è incredibile.'

L'esercizio funziona meglio se inserito nella tua giornata

'Ho scoperto per la prima volta p.volve su Instagram circa un anno fa [un sistema di esercizi a basso impatto e una piattaforma e un'app di streaming online con oltre 200 allenamenti; da £ 16 al mese] ed ero incuriosito dall'attrezzatura, dal p.ball e dal p.band. Ha portato il mio amore per gli allenamenti basati sulla resistenza e a basso impatto al livello successivo. I movimenti, insieme alla loro attrezzatura innovativa e unica, tonificano e allungano il mio corpo in modo così efficace.

'Non devi ucciderti e impegnarti in un'ora di qualcosa di pazzo, se sei a casa a lavorare, puoi semplicemente fare una breve pausa di 15 o 20 minuti. È il tipo di allenamento in cui posso letteralmente andare a una riunione subito dopo. Penso che probabilmente il più grande malinteso a volte è che la gente dirà, 'Non mi sembra che questo stia facendo nulla'. Poi all'improvviso, il giorno dopo puoi sentirlo e dici: 'Oh mio Dio, sono dolorante'.

Per vedere questo incorporamento, devi dare il consenso ai cookie dei social media. Apri le mie preferenze sui cookie.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Kate Bosworth (@katebosworth)

'Mi allenerò in media tre volte a settimana se sarò bravo. Alcuni giorni mi concentro di più sul core, altri sui glutei. Glutes è un grande per me. Se riesco a intrufolarmi in pochi minuti qua e là solo per allungare, lo farò. Si tratta davvero di prendersi il tempo quando è possibile.'

Concediti il ​​coraggio di sentirti vulnerabile

'Sentirsi vulnerabile e fuori dalla propria zona di comfort è come correre per le strade nudi o indossare il maglione più pruriginoso, orribile e attillato e camminarci dentro, pensando 'Non voglio mai più indossare questo maglione. '

'Ma la verità è che ogni volta che mi permetto di essere vulnerabile, che sia nelle mie relazioni, nel mio lavoro o nella mia relazione con me stesso, se riesco a superare i tipici sentimenti caldi di 'wow, sono davvero arrabbiato' o 'Sono davvero frustrato'. Se riesco a scavare a fondo e dire: 'Okay, qual è la vulnerabilità qui?' Posso riconoscere che i miei sentimenti erano quelli di essere ferito o che volevo solo essere apprezzato.

'Quindi penso che una delle belle sensazioni e il risultato del permettere veramente a te stesso di essere vulnerabile sia che ti senti anche veramente coraggioso. Questa è stata la mia esperienza, ma dirò anche che non è mai facile. Non una volta, è stato facile.'

Per vedere questo incorporamento, devi dare il consenso ai cookie dei social media. Apri le mie preferenze sui cookie.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Kate Bosworth (@katebosworth)

Goditi il ​​viaggio, anche le parti difficili hanno un ruolo da svolgere

'Penso che pensiamo sempre che ci sia una sorta di grande destinazione. Se ottengo questo, se faccio questo, se ottengo questo, arriverò a questo risultato.

La verità è che non esiste una grande destinazione. Voglio dire, suonerà davvero sdolcinato, ma è vero. Si tratta davvero del viaggio. Si tratta dei fallimenti. Si tratta di sentire le cose veramente difficili e lavorarci sopra. Questo è il risultato e devo ricordarlo a me stesso tutto il tempo, perché sono nato un perfezionista esagerato in molti modi.

'Voglio dire, guarda, mi sento sempre un lavoro in corso, ad essere onesto e cerco di essere d'accordo con questo, anche se è anche una cosa vulnerabile da ammettere.

'Ho dovuto essere davvero in grado di guardarmi allo specchio per identificare le parti di me che mi piacciono e apprezzo di più e devo dire che provengono dalle parti difficili. Penso che tu debba trovare il tuo apprezzamento per quelle cose e smettere di cercare la carota penzolante, perché la verità è che non l'avrai mai. Questo porta a molta insoddisfazione. Quindi, per apprezzare tutte le cose che sono integrali lungo la strada, penso che questa sia davvero la vittoria.'